Festa di San Giovanni Battista: usanze e riti della tradizione cattolica

festa-san-giovanni-battista

Il 24 giugno si celebra la Festa di San Giovanni Battista o notte di San Giovanni con riti, eventi e manifestazioni che da millenni segnano la tradizione cattolica  

Il 24 giugno alla vigilia del giorno di venerazione del santo si celebra la festa di San Giovanni Battista o notte di San Giovanni.

L’origine della festa è legata all’arrivo del solstizio d’estate con l’usanza di accendere il fuoco segno di rinnovamento, di purificazione che rappresenta la luce e la vittoria del bene sul male.

Infatti, in diverse regione d’Italia si realizzano dei grandi fuochi, con celebrazioni eucaristiche e momenti di preghiera. Inoltre, in alcuni casi il sacro e il profano si confondono in feste popolari che vedono la presenza di bancarelle, mercatini e momenti di intrattenimento. Spesso il fuoco è stato sostituito dai fuochi di artificio.

In realtà nella nostra penisola la festa di San Giovanni Battista è molto diffusa in particolar modo in Sardegna e in Valle d’Aosta.

1 | Festa di San Giovanni Battista nelle città d’Italia
2 | Genova
3 | Ragusa
4 | Marsala
5 | Castelbuono

1 | Festa di San Giovanni Battista nelle città d’Italia 

San Giovanni è patrono di Firenze, Genova e Torino e nella giornata del 24 giugno sono tantissime le iniziative di carattere religioso e culturale che interessano queste città.

2 | Genova  

La festa di San Giovanni, patrono di Genova, inizia con eventi musicali ed esibizioni di artisti di strada e culmina con un grande falò in piazza Matteotti.

Il 24 si tiene la suggestiva processione delle Antiche Confraternite che parte dalla Cattedrale di San Lorenzo per raggiungere il porto antico.

La processione culmina con la benedizione al mare e alla città che impartisce il Cardinale Arcivescovo.

3 | Ragusa  

Approdiamo nella bellissima Ragusa dove la festa del santo, invocato per ottenere protezione dalle calamità e la guarigione del corpo, viene celebrata con una messa solenne e l’esposizione delle reliquie.

Successivamente, il 29 agosto (giorno in cui si commemora la morte del santo) proseguono celebrazioni e festeggiamenti in suo onore. La statua di San Giovanni viene portata in una lunga e coinvolgente processione in cui i fedeli, molti a piedi nudi e con grossi ceri accesi, seguono il simulacro accompagnandolo con canti e preghiere.

4 | Marsala 

Nella città di Marsala, in provincia di Trapani, ogni anno per la Festa di San Giovanni si organizza una grande festa.

Il culto per San Giovanni è molto sentito. Infatti, è considerato il copatrono e il protettore della zona costiera della città.

Nei pressi della Chiesa di San Giovanni poco distante da Capo Boeo si svolge il nutrito programma che prevede:

  • la recita della novena in onore del santo
  • un triduo
  • una processione
  • fuochi d’artificio a mezzanotte

5 | Castelbuono  

Nel piccolo centro di Castelbuono (Palermo) le tradizione millenaria della Festa di San Giovanni coinvolge tutta la popolazione in festeggiamenti ed iniziative dedicate al santo. Infatti, per le vie del paese vengono posizionati enormi pentoloni di rame detti “quarare” dove sono cucinate fave con patate bollite servite con vino rosso (come segno di ringraziamento e rito di prosperità).

Tra le usanze tradizionali di Castelbuono si ricorda il rito del comparatico considerato il fulcro della festa. Precisamente, a Castelbuono esistono tre tipi di comparatico: il battesimo, il matrimonio e la festa di San Giovanni. Proprio quest’ultimo è da sempre considerato il vincolo più stretto che si possa stringere. Per consolidare l’amicizia tra uomini (compari) e tra donne (commari) si recita una preghiera e attraverso l’intercessione del santo si chiede la benedizione di Dio come a suggellare l’unione.

Foto Credits: David Mark – Pixabay

Rispondi