Assisi: Borsa del Turismo Religioso Internazionale dal 24 al 27 novembre

Borsa del Turismo Religioso assisi

Assisi città simbolo del turismo religioso in cammino verso la cultura ospiterà, dal 24 al 27 novembre, la Borsa del Turismo Religioso Internazionale

Dal 24 al 27 novembre, si svolgerà ad Assisi, la quarta edizione della Borsa del Turismo Religioso Internazionale un’appuntamento imperdibile per tutti coloro che operano nel settore del turismo religioso e culturale.

La BTRI offre agli operatori del turismo religioso un’occasione unica nel suo genere di incontro e condivisione.

IL TREND DEL MERCATO DEL TURISMO RELIGIOSO

Il mercato del turismo religioso internazionale si divide in turismo di fede (pellegrinaggi e cammini) e in turismo culturale. Nel mondo esistono moltissime località che rispondono alle esigenze di questa domanda turistica.

Secondo la Word Trade Organization sono oltre i 300 milioni i “turisti religiosi” nel mondo, con un giro di affari stimato oltre i 18 miliardi di dollari e con un trend crescente verso le mete di pellegrinaggio.

L’Italia è considerata una delle destinazioni principali del turismo religioso nel mondo. Località come Roma, Assisi, San Giovanni Rotondo, Padova e Loreto sono tra le più visitate in assoluto.

L’offerta religiosa prevede circa 1.500 santuari, 30.000 chiese, 700 musei diocesani e tantissimi monasteri e conventi.

GLI OPERATORI DEL SETTORE

Il direttore esecutivo dell’ENIT Giovanni Bastianelli ha sottolineato: “Il motivo religioso spinge al viaggio e alla sosta nei luoghi di culto soprattutto nel mese di maggio fino a giugno e nei periodi di settembre e ottobre, contribuendo alla distribuzione dei flussi durante l’arco dell’anno”.

Il Sindaco di Assisi Stefania Proietti ha dichiarato: “Ospitare la borsa del turismo religioso internazionale è per Assisi una grande occasione: la Città Cerafica è meta prediletta di visitatori attratti dalla vita, dalla storia, dalla santità di San Francesco e di Santa Chiara, e può diventare il luogo ideale dove si incontrano e dialogano i sistemi e le filiere dell’accoglienza rivolta al turismo religioso”.

borsa del turismo religioso 2018
pixabay.com

A contribuire alla realizzazione della BTRI sono intervenute anche due importanti associazioni, la Federalberghi Umbria (presidente Simone Fittuccia) e “Discover Assisi – Convention Bureau” (presidente Elena Angeletti).

Nicola Ucci, presidente della BTRI, ha dichiarato: “La scelta di Assisi è coerente con l’impostazione degli itinerari religiosi, artistici e culturali da offrire al mercato. E’ una scelta che speriamo di ripetere per almeno tre anni, in collaborazione con le istituzioni locali e regionali e le associazioni di categoria”.

Alla BTRI parteciperanno oltre 50 buyer tra italiani ed esteri e sono accreditati oltre un centinaio di sellers provenienti dall’Umbria, dall’Italia e dall’estero.

IL PROGRAMMA DELLA BORSA DEL TURISMO RELIGIOSO

Sabato 24 novembre >> incontro con il Sindaco di Assisi, Stefania Proietti, presso il Palazzo Comunale.

Domenica 25 novembre >> al mattino un meeting promozionale riservato agli Enti, Associazioni, realtà religiose, umbre, italiane ed estere (dove potranno presentare i loro progetti).
Nel pomeriggio una visita guidata ad Assisi fino alla Basilica di San Francesco.

Lunedì 26 novembre >> gli operatori saranno coinvolti nel workshop che si terrà a Palazzo Monte Frumentario. La sera, per i buyer, è previsto un percorso archeologico romano-medievale seguito da una cena medievale.

39 thoughts on “Assisi: Borsa del Turismo Religioso Internazionale dal 24 al 27 novembre

  1. Trovo che Assisi sia una città bellissima. Turismo religioso a parte, che ovviamente è quello prevalente in questa zona, ci torno sempre molto volentieri. E’ uno di quei borghi bomboniera che mi fanno impazzire.

  2. Sono stata ad Assisi per la prima volta l’estate scorsa e l’ho trovata semplicemente stupenda! Bellissima la Basilica di San Francesco e molto belli anche i paesi limitrofi, come Gubbio e il borgo di Spello.

  3. Non ci crederari ma proprio questa mattina a lavoro un collega australiano mi ha detto che glli è piaciuta molto Assisi.. e poi capito sul tuo blog.. che coincidenza! Glielo giro subito, non credo riesca a venire alla borsa del turismo (non sapevo ci fosse) ma per le meravigliose foto.

  4. Non sapevo che esistesse una Borsa del Turismo Religioso, anche se ha perfettamente senso dal momento che la religione è motore di arte ed eventi di interesse collettivo. Noto che i momenti più caldi sono sempre leggermente antecedenti a quelli del turismo tradizionale, vero?

  5. Interessante questo articolo su questa nicchia del travel, proprio ieri parlavo con un’amica del business dietro ai viaggi/pellegrinaggi religiosi.

  6. Non sono mai stata ad Assisi, ed è uno di quei posti che devo visitare assolutamente.
    Non tanto per la religione, piuttosto per motivi culturali, storici e gastronomici.
    Penso comunque che sia una bellissima iniziativa, noi abitiamo vicino a San Giovanni Rotondo e sappiamo benissimo quanto sia importante il turismo religioso!

    1. Bellissima anche San Giovanni Rotondo! L’Italia è così ricca di luoghi di culto che portano con se arte e tradizioni che basta soffermarsi ad osservare per rendersene conto!

  7. Assisi è una città davvero speciale, sia dal punto di vista religioso che da quello più legato a paesaggio, arte ed architettura. Una città che vale la pena visitare anche per chi non ha interessi religiosi.

  8. Sono stata ad Assisi molti anni fa. Come sai il mio rapporto con la religione non è esattamente solido e continuativo. Ma mi ha incuriosito molto leggerti dato che non sapevo esistesse una borsa del turismo religioso. Da quando ti conosco sto scoprendo cose di cui non immaginavo!

  9. Assisi è una vera e propria ricchezza… Non ero a conoscenza di questo evento di settore, ma devo dire che la città si presta sotto tanti puntini vista per.cui sono felice di sapere che ci siano iniziative così importanti per raccogliere un certo tipo di turismo

  10. Superinteressante questo articolo, non sapevo ci fosse un’apposita fiera del turismo religioso. Le classiche cose a cui non pensi, ma che in fondo appena ci rifletti sono ovvie, dato il giro d’affari che anche tu hai ricordato. Assisi poi è la scelta perfetta, l’ho visitata da ragazzina ed era un viavai continuo di visitatori, per i motivi più diversi. Ben venga tutto ciò che porta turismo di qualità!

Rispondi