Cosa vedere a Bolsena in due giorni: itinerario nel centro storico

Cosa vedere a Bolsena in due giorni

La Rocca Monaldeschi, la Cattedrale di Santa Cristina e la Fontana di San Rocco sono solo alcuni dei siti da vedere a Bolsena in due giorni 

La città di Bolsena, a pochi chilometri da Viterbo, è conosciuta come “la città del miracolo eucaristico”. Il centro storico è diviso in quattro rioni: Castello, Santa Cristina, Borgo San Rocco, San Giovanni.

E’ possibile visitare la città in due giorni anche se le cose da vedere a Bolsena sono davvero molte. Vivere l’atmosfera del centro storico è emozionante, girare per i vicoli e scoprire i colori, i profumi e le tradizioni di questo bellissimo territorio compreso tra le sponde del lago vale davvero la pena.

Tra le cose da vedere a Bolsena non potete rinunciare a visitare:

– La Fontana di San Rocco
– La Rocca Monaldeschi della Cervara
– Il Museo del lago di Bolsena
– Chiesa di San Salvatore
– Il Lago di Bolsena
– Cattedrale di Santa Cristina

La Fontana di San Rocco 

Partendo da Porta Fiorentina si raggiunge facilmente il rione Borgo, il meno esteso e popolato della città, dove si trova la famosa Fontana dei Medici soprannominata “Fontana di San Rocco”.

Secondo la leggenda San Rocco si trovò a passare per la città di Bolsena e in questa occasione si fermò a dissetarsi presso la fontana dove bagnò una ferita alla coscia che guarì istantaneamente. Da quel momento l’acqua della fontana è considerata miracolosa.

Ogni anno il 16 agosto si celebra una messa durante la quale viene benedetta l’acqua della fontana.

Fontana di San Rocco

La Rocca Monaldeschi della Cervara 

Proseguendo la passeggiata (in salita) si raggiunge la Rocca Monaldeschi della Cervara, nel rione Castello, sede del Museo territoriale del lago di Bolsena, edificata tra il XII e il XV. In un primo momento furono costruite la torre principale e la parete settentrionale.

In seguito la famiglia dei Monaldeschi della Cervara (di Orvieto) provvide al completamento della Rocca con la costruzione di altre torri, delle mura perimetrali e degli interni.

Borgo Medievale di Bolsena

Con gli anni la Rocca cadde in stato di abbandono fino al 1921 quando fu restaurata.
Nel 1991 divenne la sede del Museo Territoriale del lago di Bolsena.

E’ possibile salire sui camminamenti di ronda per godere del bel panorama offerto dal lago, con le sue isole, le colline e i paesini limitrofi.

Rocca Monaldeschi della Cervara

Il Museo del lago di Bolsena 

Il lago di Bolsena, formatosi oltre 300.000 anni, è il più grande d’Europa tra quelli di origine vulcanica. Il Museo allestito nella Rocca Monaldesca ripercorre la storia della formazione del lago attraverso tutte le sue fasi dalla preistoria al periodo romano.

Museo di Bolsena

La visita si conclude con un padiglione dedicato alla vita che si svolge nel e attorno al lago. Pesci, crostacei, anfibi e molluschi dentro vasche di acqua dolce allestite all’interno di uno scenario molto suggestivo.

SIMULABO: SISTEMA MUSEALE DEL LAGO DI BOLSENA
Dove: Centro Visite – Palazzo Monaldeschi della Cervara | Piazzetta dell’Orologio 01023 – Bolsena
Contatti: 0761365565
Orario invernale: da lunedì a domenica ore 9.00-13.00 / 14.00-15.30
Orario estivo: da lunedì a venerdì 9.00-13.00 / 14.00-15.30 | sabato e domenica 9.00-13.00 / 14.00-19.00
Costo del Biglietto: 5,00€ (visita ai camminamenti di ronda e al complesso museale.
Per saperne di più: simulabo.it

Chiesa di San Salvatore 

Nel rione Castello a pochi passi dalla Rocca si trova la Chiesa di San Salvatore.
Dal sagrato si gode di una bellissima vista sul lago di Bolsena. E’ il posto davvero perfetto per scattare qualche foto panoramica.

Chiesa San Salvatore

Il Lago di Bolsena 

Tra le cose da vedere a Bolsena non può mancare una passeggiata sul lungo lago. Le coste sono generalmente basse e sabbiose ideali per rilassarsi e pescare. Il lago è quasi completamente incontaminato ed è uno dei pochi ad essere del tutto balneabile.

Panorama sul lago di Bolsena

Cattedrale di Santa Cristina 

La Basilica di Santa Cristina è una costruzione romana edificata nel XI sec. sopra antiche catacombe cristiane in cui si venerava il sepolcro di Santa Cristina.

La facciata riccamente decorata presenta sopra il portale principale una ceramica che raffigura la Madonna col Bambino accanto a Santa Cristina e San Giorgio patroni della città.

Portale Cattedrale Santa Cristina

La chiesa a croce latina è divisa in tre navate, delimitate da colonne, nelle quali si possono ammirare nicchie, altari, cappelle, quadri, sculture e affreschi.

Nel parte sinistra si trova una piccola cappella, dove è conservata una statua in legno di Santa Cristina, tramite la quale si accede alla Cappella del Miracolo che custodisce il marmo dell’altare sul quale avvenne l’evento prodigioso.

Cattedrale Santa Cristina

In pellegrinaggio verso Roma un sacerdote di nome Pietro si fermò nella città di Bolsena. Ascoltando il racconto della vita di Santa Cristina ne rimase affascinato tanto che il religioso invocò la santa per fugare i suoi dubbi circa la reale presenza del corpo di Cristo sotto le specie consacrate del pane e del vino.

Durante la celebrazione della messa nella grotta di S. Cristina, al momento dell’elevazione dall’ostia caddero alcune gocce di sangue che fugarono i dubbi del sacerdote.

Parte delle reliquie furono conservate nella cattedrale di Orvieto. Per celebrare il miracolo papa Urbano IV istituì la Festa del Corpus Domini.
Ogni anno, nel mese di giugno, una bellissima festa sul tema dell’eucaristia anima le vie del centro storico, richiamando un gran numero di visitatori.

CATTEDRALE SANTA CRISTINA
Orari: 8.00 – 12.30 | 15.30 – 17.00 (inverno) – 19.00 (estate)
Sante Messe: domenica 8.00, 10.00, 11.30, 19.00 (inverno 18.00). Giorni feriali 8.00 – (lun – merc – ven) 11.00 – (mart – giov – sab) 19.00 – 17.00 (inverno)
Adorazione eucaristica: domenica 17.30 – 19.00 | 15.30 – 17.00 (inverno).
Catacombe: 10.00 – 12.00 | 15.30 – 17.00 (inverno). Ore 10.00 – 12.00 | 16.00 – 18.00 (estate).

COSA VEDERE NEI DINTORNI | MONTEFIASCONE IN UN GIORNO: ITINERARIO NELLA CITTA’ DEL VINO.

Rispondi