Gubbio in un giorno: itinerario religioso alla scoperta della città

Gubbio-in-un-giorno

Cosa vedere a Gubbio in un giorno itinerario religioso nella città di Sant’Ubaldo 

In Umbria, a circa 50 km da Perugia, si trova la bellissima città medievale di Gubbio. Durante la stagione primaverile la città si veste di mille colori, la natura si risveglia e gli eugubini festeggiano i santi patroni con una delle manifestazioni religiose più conosciute al mondo “La Festa dei Ceri” (15 maggio).

SCOPRIAMO INSIEME COSA VEDERE A GUBBIO L’ITINERARIO COMPLETO: 

1 | Cosa vedere a Gubbio in un giorno
2 | La funivia
3 | Cosa comprare a Gubbio
4 | Curiosità su Gubbio
5 | Dove parcheggiare a Gubbio
6 | I piatti tipici della tradizione eugubina

1 | Cosa vedere a Gubbio in un giorno 

Come prima tappa dell’itinerario “Gubbio in un giorno” vi consiglio di fermarvi nei pressi del Teatro Romano, eretto nel I secolo a.C., dove si trova anche un comodo parcheggio gratuito. Questa zona, nel periodo primaverile si risveglia ed è veramente piacevole passeggiare tra i reperti storici e godere della natura che lì circonda.

Teatro-romano-gubbio
Teatro Romano

A pochi metri dal Teatro si trova il museo archeologico “Antiquarium”, costruito sui resti di una domus romana, che contiene alcuni reperti ritrovati nella città risalenti al periodo preromano e romano.

TEATRO ROMANO E ANTIQUARIUM
Dove: 06024 Gubbio PG
Contatti: 0759220992
Costo biglietto: 3,00€ e comprende l’accesso al museo, al sito del Teatro romano e ai mosaici della domus del banchetto.
Parcheggio: nei pressi del Teatro romano si trova un parcheggio gratuito con circa 440 posti. E’ aperto 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno .

PIAZZA QUARANTA MARTIRI 

Proseguendo l’itinerario “Gubbio in un giorno” possiamo raggiungere facilmente a piedi Piazza Quaranta Martiri, sede del mercato medievale, dove il 22 giugno del 1944 furono uccisi 40 eugubini.

Inoltre, sulla strada si trovano la chiesa dedicata a San Francesco, la chiesa di Santa Maria dei Laici e la chiesa di San Giovanni Battista facciamo una visita veloce alle chiese per una preghiera e qualche foto.

La chiesa di San Giovanni Battista è una tra le più conosciute, è stata edificata tra il XIII e il XIV secolo, ha una facciata in stile gotico con un bellissimo campanile in stile romanico. E’ “famosa” per aver ospitato il set della fiction Don Matteo.

Infine, prima di raggiungere il centro storico possiamo visitare la Casa di Sant’Ubaldo sede della dimora paterna del Santo Protettore della città.

IL CENTRO STORICO 

A pochi metri dalla Casa di Sant’Ubaldo si trova il Palazzo dei Consoli che affaccia su Piazza Grande una delle più maestose realizzazioni urbanistiche di stampo medioevale. D’altra parte, Piazza Grande è anche il luogo che accoglie le principali manifestazioni eugubine tra cui la Festa dei Ceri.

Palazzo-dei-Consoli-Gubbio
Palazzo dei Consoli

Inoltre, dalla Piazza è possibile scattare alcune foto meravigliose sui tetti e i campanili dell’Umbria. Sul lato destro, invece, si trova il famoso bar dove sono state girate diverse scene della fiction Don Matteo.

Ma ancora più importante è il Palazzo dei Consoli è sede del Museo Civico. Vi consiglio una visita, considerando che, la raccolta museale è molto ricca e si articola su cinque piani ripercorrendo la storia della civiltà eugubina dalla preistoria al XX secolo.

Sala interna | Palazzo dei Consoli
PALAZZO DEI CONSOLI
Dove: Piazza Grande – 06024 Gubbio (PG
Contatti: 0759274298 | museo@gubbioculturamultiservizi.it
Orari: da aprile a ottobre dal lunedì al venerdì ore 10.00 – 13.00 | 15.00 – 18.00 e nel fine settimana: ore 10.00 – 18.00. Da novembre a marzo dal lunedì al venerdì ore 10.00 – 13.00 | 14.30 – 17.30 e nel fine settimana: 10.00 – 18.00.
Costo biglietto: intero 7,00€ ridotto 5,00€ | gratuito per bambini fino a 5 anni, portatori di handicap e accompagnatori, guide turistiche e residenti nel Comune.

LA CATTEDRALE DEI SANTI MARIANO E GIACOMO 

Alcuni degli edifici religiosi più conosciuti della città si trovano nei pressi di Piazza Grande. La Cattedrale, per esempio, dedicata ai protomartiri cristiani Mariano e Giacomo che fu progettata da Giovanni da Gubbio a partire dal 1190 e la chiesa di San Francesco della Pace detta anche dei “Muratori”.

La chiesa di San Francesco della Pace sorge sul luogo dove viveva il famoso “lupo” ammansito dal Santo. Infatti, secondo la tradizione San Francesco visse un periodo a Greccio presso la famiglia degli Spadalonga proprio qui, passando del tempo con i poveri e i lebbrosi del posto, sentì ancora più forte la “chiamata” a rispondere all’invito del Creatore “lascia tutto e seguimi”.

D’altra parte, l’episodio di Francesco e il lupo, di cui si parla anche nel XXI capitolo dei “Fioretti”, è decisivo per tutti gli eugubini. L’incontro tra i due avvenne nei pressi della chiesa Vittorina ma non è chiaro, quando si parla del lupo, se la storia si riferisce ad un animale oppure ad un brigante che insidiava la città e che Francesco riuscì a “domare”.

cattedrale-di-gubbio
Cattedrale dei Santi Mariano e Giacomo Martiri
ASCENSORI PUBBLICI
1 ascensore: da Via Baldassini a Piazza Grande dalle ore 9.00 alle 18.30.
2 ascensore: da Via XX Settembre al Duomo dalle ore 9.00 alle ore 18.20.
Costo: gratuito.
Giorni di chiusura: il 15 maggio (Festa dei Ceri), domenica successiva al 15 maggio (Festa dei Ceri Mezzani), il 2 giugno (Festa dei Ceri Piccoli) e l’ultima domenica di maggio (Palio della Balestra).

MONTE INGINO E LA BASILICA DI SANT’UBALDO 

Successivamente superata la Cattedrale, percorrendo in salita Via di Sant’Ubaldo, si può salire sul Monte Ingino e raggiungere il Santuario di Sant’Ubaldo. Questa visita è da mettere in cima alla lista delle cose da vedere a Gubbio! 😉

escursione-sul-monte-ingino-navetta


LEGGI ANCHE: ESCURSIONE SUL MONTE INGINO TRA NATURA E SPIRITUALITA’

2 | La funivia 

Un gruppo di eugubini, in occasione del VIII Centenario della morte di Sant’Ubaldo, decise di realizzare una funivia sul Monte Ingino per rendere più agevole la salita al Santuario.

La funivia che collega il Monte Ingino (908 m. s.l.m.) al Santuario di Sant’Ubaldo entrò in servizio il 3 dicembre del 1960.

Il panorama che si gode dalla cima è veramente indimenticabile e anche se salire a piedi può dare l’idea di svolgere un piccolo pellegrinaggio salire o scendere in funivia è un’esperienza assolutamente da provare.

escursione-sul-monte-ingino-discesa
LA FUNIVIA
Partenza: con un percorso di 8 minuti si parte dalla Chiesa di Sant’Agostino. La funivia costituisce un’attrazione unica in Umbria. Ogni anno salgono circa 100.000 persone.
Costo funivia: il biglietto per a/r per un adulto costa 5€ (4€ solo andata).
Orari funivia: clicca qui per gli orari

3 | Cosa comprare a Gubbio 

Riportare a casa un souvenir da Gubbio è d’obbligo!
Infatti, il centro storico è ricco di botteghe di artigiani dove si possono trovare ceramiche lavorate a mano, sculture in gesso e lavorazioni al telaio.

4 | Curiosità su Gubbio 

Secondo la tradizione a Gubbio è possibile ottenere la “patente da matto”.
Come ottenerla? Facendo tre giri intorno alla Fontana del Bergello, adiacente all’omonimo Palazzo nel centro storico, alla presenza di un eugubino doc potrete ottenere la patente (che in realtà si può acquistare a pochi euro nel negozietto alle spalle della Fontana).

Questa pratica risale al 1880 ed è legata alle “birate” ovvero i giri che facevano in Piazza Grande gli uomini che trasportavano i ceri durante la Festa.

Fontana-del-bargello-gubbio
Fontana del Bergello

5 | Dove parcheggiare a Gubbio 

Parcheggiare a Gubbio è molto semplice e se potete muovervi a piedi non sarà difficile trovare un parcheggio gratuito dove lasciare l’automobile.

Ci sono diverse strade in salita ma è possibile accedere gratuitamente agli ascensori per spostarsi in città e alla funivia per salire sul monte Ingino.

Attenzione, il centro storico di Gubbio è zona a traffico limitato! La sosta su strada nelle zone a strisce blu, dalle ore 8.00 alle ore 8.00, ha un costo di 1,00€ la prima ora e 0,40€ le successive fino a un massimo di 8,00€ al giorno.

I parcheggi non custoditi si trovano su: Viale Teatro Romano, Via Tifernate e Via Boncompagni (il più vicino al centro storico).

6 | I piatti tipici della tradizione eugubina 

In breve, la cucina eugubina è basata su un antichissima tradizione ed è apprezzata in modo particolare per le sue ricette semplici e genuine.
Vi consiglio di provare gli strangozzi al tartufo bianco (varietà tipica della zona di Gubbio), la crescia al panaro (focaccia farcita che serve ad accompagnare i salumi) e il friccò di pollo, anatra, agnello e coniglio uno dei piatti più apprezzati dai turisti. Per concludere, tra i dolci tipici dovete provare i ganascioni delle suore di Santa Lucia gustati con una bevanda si caffè d’orzo e mistrà.

LEGGI ANCHE: ITINERARIO RELIGIOSO IN UMBRIA DA CASCIA A GUBBIO PASSANDO PER ASSISI

2 thoughts on “Gubbio in un giorno: itinerario religioso alla scoperta della città

Rispondi